giovedì 23 maggio 2019

Due appuntamenti da non mancare

Lo splendido campo rosso-verde che costeggia A14-Tangenziale (22 maggio 2019)

















Venerdì 24 e domenica 26 maggio si avvicinano.
Il secondo sciopero globale per il clima c'è da augurarsi sia una nuova grande giornata di mobilitazione. Lo scorso 15 marzo all'appello di Greta Thunberg e di Fridays for future parteciparono tantissimi studenti in molte piccole e grandi città d'Italia e d'Europa. Con loro numerosi insegnanti, genitori, ambientalisti.

martedì 14 maggio 2019

Trump, Iran ed Europa

Abbocchiamo sempre a una nuova guerra: l’esca questa volta è l’Iran. L’obiettivo degli Usa, incoraggiati da Israele e Arabia Saudita, è mettere con le sanzioni il cappio al collo a Teheran, strangolare la sua economia, spingere i moderati come il presidente Hassan Rohani all’angolo e provocare una escalation dalle conseguenze neppure troppo imprevedibili: un altro disastro in Medio Oriente e alle porte dell’Europa.

domenica 12 maggio 2019

Come si valorizzano i Beni Comuni

Ore 9,00, ecco "la gestione" di INVIMIT dei Prati di Caprara ... (11 maggio 2019)

















Ore 12,00, ... dopo la valorizzazione praticata dai volontari mobilitati da Rigenerazione No Speculazione
Nei giorni scorsi Nuccio Altieri, un ex deputato di Forza Italia voluto dalla Lega di Salvini a capo di INVIMIT, la Società del Ministero dell'Economia e delle Finanze che si occupa di valorizzare e dismettere il patrimonio immobiliare dello Stato, ha dichiarato che i Prati di Caprara debbono contribuire "a fare cassa".
La risposta di tanti bolognesi non è mancata.

lunedì 6 maggio 2019

"Prima gli speculatori italiani"

Il volantino del Comitato Rigenerazione No Speculazione per la prossima iniziativa


















Un gran colpo di teatro, l’intervista al nuovo Presidente di INVIMIT, l'On. Nuccio Altieri, pubblicata sul Resto del Carlino di Bologna di ieri.

In Movimento per il clima

Un saggio manifesto esposto da giovani in occasione del G7 Ambiente di Bologna  

















Anche Jeremy Corbyn, in risposta all’invito lanciato da Greta Thunberg e fatto proprio da Fridays for future, ha chiesto al governo inglese di proclamare lo stato di emergenza climatica.

giovedì 2 maggio 2019

Dalla Spagna all'Europa

Il nuovo Parlamento del Regno di Spagna (la Repubblica, 30 aprile 2019)


















Il voto di domenica nel Paese della Unione Europea che (attualmente) registra il 5 posto per popolazione (dopo Germania, Francia, Inghilterra e Italia) impone alcune prime riflessioni.
1. Gli spagnoli si sono recati alle urne per scegliere i propri rappresentanti per la terza volta in quattro anni, per la quinta in undici anni: lo avevano fatto anche nel 2008, 2011, 2015 e 2016.

giovedì 25 aprile 2019

Le Periferie e la nuova Liberazione

Bologna, il coro dei ragazzi impegnati al Pratello R'esiste ... (25 aprile 2019)

















Nel 1950, ne La folla solitaria, testo diventato un classico, il sociologo americano David Riesman avvertiva che in tempi brevi la favola di Jack AmmazzaGiganti sarebbe stata sostituita dalla fiaba di Jack AmmazzaNani. Invece di ribellarsi contro i potenti, il cittadino della nuova società di massa si sarebbe accanito a schiacciare quelli meno potenti di lui. Aveva ragione: nelle periferie romane, e in tutta Italia, le rivolte popolari non rivendicano diritti ma li negano a chi ne ha ancora meno.

martedì 23 aprile 2019

Salvini, Di Maio, Zingaretti, Calenda e ... Greta

Danilo Toninelli ed Armando Siri, il "governo" del MIT (da il manifesto, del 19 aprile)

















Sarà difficile ricomporre lo scontro aperto negli ultimi giorni tra i due soggetti politici al Governo del Paese senza vincitori e vinti. Ovvero con un nuovo accordo onorevole per ognuna delle parti in causa.
Un Accordo con la A maiuscola, capace di fronteggiare con credibilità politica la crisi economica, sociale ed ambientale che occorre fronteggiare su scala nazionale e globale.
La questione politica Armando Siri, il Sottosegretario del Ministero delle Infrastrutture, non è rapportabile a nessun'altra.

lunedì 15 aprile 2019

Greta, la Repubblica, Fridays for future e tutti Noi

Uno stralcio illuminante del libro di Greta, pubblicato (forse non letto) da la Repubblica 

















Da una settimana la Repubblica e Mondadori hanno pubblicato "La Nostra casa è in fiamme", un interessante volume scritto dalla famiglia Thunberg - Ernman che raccoglie interventi e 91 scene che testimoniano "la nostra battaglia contro il cambiamento climatico".
Lo si può trovare ancora in tutte le edicole, a 12,90 euro più il prezzo del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari.
La sua lettura rende però immediato un interrogativo.

sabato 6 aprile 2019

Dieci anni dopo

L'Aquila ricorda il terremoto del 2009 con i nomi delle 309 vittime (6 aprile 2019)

















Senza giustizia. Senza prevenzione.
Senza parole.
Solo alcune foto dalla fiaccolata di ieri sera, tratte da 6 aprile.it

lunedì 1 aprile 2019

Ultima ora. Un nuovo Patto per Bologna e per l'Italia

Finalmente un impegno preciso per potenziare e finanziare le ferrovie regionali (1 aprile 2019)  

















La svolta è clamorosa!
Il Governo, la Regione ed il Comune hanno firmato questa mattina un nuovo accordo per lo Sviluppo sostenibile e la conversione ecologica dello sviluppo.
Dieci miliardi per le Ferrovie, i PUMS, la mobilità elettrica e non inquinante, il verde e la rigenerazione urbana, la ri-pubblicizzazione dell'acqua, la messa in sicurezza del territorio ed il ripopolamento di aree abbandonate o depresse.

venerdì 29 marzo 2019

Occhio alla Basilicata!

Matera, Città Europea della Cultura 2019. Si fa notte ... (agosto 2016)

















Come per le altre elezioni regionali del 2019 ha votato un elettore su due (poco più, il 53%).
Come in Abruzzo e in Sardegna ha vinto il Centrodestra (con meno della metà dei consensi dei votanti: il 42%), trainato dalla Lega di Salvini (che vola al 19%).
Anche in questa realtà i due partiti attorno a cui si è retta a lungo la vita politica nazionale e locale sono sotto quota dieci: Forza Italia al 9% e il PD addirittura sotto l'8%.
Come va interpretato questo voto?

lunedì 25 marzo 2019

Mobilitazione e riflessioni. L'esperienza del Passante di Bologna

Roma, 23 marzo, uno dei tanti cartelli alla Marcia per il clima e contro le grandi opere inutili

















Un'altra grande manifestazione. A Roma decine di migliaia di persone provenienti da molte parti d'Italia hanno rivendicato grandi opere utili, una conversione ecologica delle produzioni e della società, investimenti per la salvaguardia dei beni comuni.
Queste foto provano a fornire, a chi non c'era, una sintesi (inevitabilmente sommaria e personale). Negata da molti giornali e TV, probabilmente condizionati da editori, imprenditori, partiti e politici che continuano a procedere in direzione ostinata e contraria: a sostegno di un sistema produttivo, economico e sociale sempre più insostenibile.
Ma è tempo di unire alla necessaria mobilitazione giovanile e popolare anche una seria riflessione.

venerdì 22 marzo 2019

Roma. Ma cacciare il reprobo non basta

A conclusione dell’ultima edizione di Roma moderna, la più approfondita storia dell’urbanistica della capitale, il grande Italo Insolera si chiedeva se si potesse parlare di modernità in un città che aveva fatto degli scandali urbanistici e delle speculazioni fondiarie la cifra principale della sua vita. Insolera fece appena in tempo a non vedere l’inchiesta su Mafia Capitale e lo scandalo dello stadio della Roma. Ora siamo a un’altra tappa del gorgo che rischia ormai di inghiottire la città.

martedì 19 marzo 2019

Mille, 1500 o duemila? Un Popolo colto e combattivo

La mobilitazione di Rigenerazione No Speculazione scuote Bologna (16 marzo)

















"Il Mondo di Greta" è il prodotto delle contraddizioni del presente e della sempre più diffusa convinzione che le classi dominanti ed i governi delle nostre comunità non diano risposte adeguate ai problemi ed alle sfide che viviamo.
Da tempo a Bologna si ambisce ad ammodernare uno Stadio di calcio costruito in altra epoca storica e sicuramente incapace di rispondere ai confort richiesti dai tifosi, alle esigenze di sicurezza necessari, alle attese economiche di proprietari disposti ad investire.
Tutte aspettative comprensibili e su cui ragionare per trovare soluzioni convincenti.

domenica 17 marzo 2019

Il Mondo di Greta. Un'onda d'urto per cambiare il sistema

Dalla Nuova Zelanda all'Italia ... Per la vita ed il futuro di noi tutti (Bologna, 15 marzo)

















L’onda d’urto degli studenti in marcia contro l’irresponsabilità delle classi dirigenti di tutto il mondo ieri ha dato la prima prova della sua forza, ma è solo al suo inizio. Per capire gli sconvolgimenti che è destinata a provocare nell’establishment basta forse il quotidiano Repubblica; fino a tre giorni fa riempiva le prime pagine con titoli di scatola e foto smisurate a sostegno del Tav Torino-Lione, come se da esso dipendessero le sorti, se non del pianeta, certamente del paese; da tre giorni fa altrettanto con la marcia per il clima Friday for Future e il suo simbolo, Greta Thunberg.

giovedì 14 marzo 2019

Clima, una lezione al Governo ed al PD


Il manifesto che promuove la manifestazione promossa da Rigenerazione No Speculazione 


















Il Presidente Mattarella nel messaggio di ieri ha citato in modo molto preciso e chiaro il tema dei cambiamenti climatici. Non è la prima volta che la prima carica dello Stato parla dei cambiamenti climatici e della grande sfida che rappresentano e l’ha fatto citando che gli sforzi finora compiuti sono «ancora insufficienti».
L’inadeguatezza degli sforzi messi in campo dai Paesi rispetto agli Accordi di Parigi è la motivazione principale dello «sciopero del clima» lanciato da Greta Thunberg che chiede ai Paesi di «raddoppiare gli sforzi».

domenica 10 marzo 2019

Non in nostro nome!

Il "popolo inquinato" da una crescita economica senza qualità propone alternative

















Il Sindaco di Bologna, Virginio Merola, e il Presidente della Regione, Stefano Bonaccini, hanno chiamato a raccolta amministratori, politici, imprenditori e sindacalisti "per lo sblocco immediato dei cantieri" di tre grandi opere (auto)stradali: il Passante di Mezzo, la nuova Cispadana e la Bretella Campogalliano - Sassuolo.
Molte altre persone si sono raccolte all'esterno per fare sentire una voce diversa e alternativa, propositiva e rivendicativa:

mercoledì 6 marzo 2019

E ora Merola e Bonaccini ... tremano

Il volantino di Legambiente Emilia Romagna per il presidio di sabato 9 marzo

























Ieri, di fronte all'ottavo giorno consecutivo di polveri PM10 oltre i livelli di accettabilità a Ferrara e Modena e con una situazione di costante inquinamento nelle altre provincie emiliane, il Caporeddatore de il Corriere di Bologna ha proposto giustamente "uno sforzo in più" per affrontare il "problema traffico".

domenica 3 marzo 2019

Lettera aperta al Sindacato

Il prof. Vincenzo Balzani ieri a Bologna, per salvare l'ambiente e i migranti 












Da lavoratori e pensionati che vivono ed operano a Bologna e in Emilia Romagna e da volontari da decenni associati anche a Legambiente ci permettiamo di chiedere al sindacato confederale a cui da sempre siamo iscritti di distinguere le proprie posizioni da quelle del fronte politico ed imprenditoriale Si Passante di Mezzo, Si nuova Autostrada Cispadana, Si bretella Sassuolo - Campogalliano che manifesterà il prossimo 9 marzo a Bologna.

giovedì 28 febbraio 2019

Sardegna, Italia. Per chi suona la campana?

Dopo l'Abruzzo il voto di domenica è una lezione su cui è bene che tutti riflettano. Tutti.
Se possibile, con analisi serie e con valutazioni politiche. Ben oltre le semplificazioni di molti commentatori interessati e le giustificazioni auto assolutorie di diversi esponenti di vari partiti.

giovedì 21 febbraio 2019

Greta Thunberg, 16 anni, un esempio!

La prima pagina de il manifesto di mesi fa ...
Dopo una settimana di smog, oggi nessun titolo di apertura!


















Da 7 giorni consecutivi Bologna, l'Emilia Romagna e l'intera Pianura Padana registrano livelli medi giornalieri di smog abbondantemente oltre i limiti di Legge. Vedi ARPAE. Ieri a Ferrara si è raggiunta quota 112 microgrammi per metro cubo (contro un valore soglia di tollerabilità di 50).
Le misure fin qui adottate da Comuni e Regioni risultano inefficaci. Il Governo tace.
I media locali e nazionali (salvo rarissime eccezioni) si occupano d'altro.

lunedì 18 febbraio 2019

Merola e Bonaccini, serve un altro passo!

Ieri, sabato, venerdì, giovedì ... è ancora e sempre smog a Bologna e in Emilia Romagna!
Come a gennaio e a dicembre 2018 (Il Corriere di Bologna) 












Coraggio. Merola e Bonaccini hanno fatto un primo passo ... indietro.
L'appello "alla piazza" pro Passante di Mezzo e contro il Governo che blocca la "locomotiva Emilia" si è ridimensionato ad un più modesto, logico, auspicabile confronto delle Istituzioni, delle organizzazioni e delle associazioni locali con il Ministro Toninelli, per trovare "risposte utili" ...

mercoledì 13 febbraio 2019

Dall'Abruzzo all'Emilia Romagna

La A14 che collega direttamente Abruzzo ed Emilia ... (gennaio 2019).
A Bologna si discute su Passante di Mezzo, a Sud o ferrovie e SFM.


















Questo 2019 è cominciato con il voto di domenica scorsa in Abruzzo e probabilmente terminerà con le elezioni per il rinnovo del Consiglio e del Presidente della Regione Emilia Romagna.
Nel mezzo le Europee di maggio e le amministrative in molti comuni d'Italia e del bolognese.

lunedì 11 febbraio 2019

Abruzzo, Italia

E' naturale l'interesse nazionale per le elezioni in Abruzzo. Le prime del 2019. Molte altre ne seguiranno di forte rilevanza politica.
Cosa è successo?
Il primo dato è che hanno partecipato il 53% degli aventi diritto. Poco più di un elettore su due.
Pochi lo sottolineano e lo considerano un problema. Non è una novità (il Emilia Romagna si era raggiunto il 62% di non voto).
Eppure ne va della autorevolezza e della capacità delle Istituzioni di rappresentare adeguatamente le Comunità di riferimento.

venerdì 1 febbraio 2019

Salvini, Di Maio, Zingaretti, Calenda (2)

Cittadini manifestano a Bologna contro il Passante di Mezzo (16 gennaio 2019) 

















Salvini e la sua Lega in 9 mesi di Governo sono riusciti a marcare la loro impronta.
Aiutati in questo non solo da "fatti" ("Quota 100", decreto sicurezza, blocco dei porti per i migranti) e "capacità comunicativa" di un Leader iper attivo e spregiudicato (dalla denuncia delle ONG alla gestione del rientro di Cesare Battisti, dal sostegno alle piazze pro nuova linea TAV Torino - Lione ai pronunciamenti pro Trivelle, pro Autostrade e superstrade). Ma anche da interlocutori ed avversari che hanno vari interessi per coltivare rapporti politici o d'affari con il Partito che fu del Nord e che si propone come nazionale e nazionalista.

lunedì 28 gennaio 2019

Salvini, Di Maio, Zingaretti, Calenda (1)

Bologna. La manifestazione del primo giorno dell'anno (1 gennaio 2019)

















"Gli italiani vogliono il leader forte, piace la democrazia senza partiti" titola (la pagina settimanale "Mappe" di Ilvo Diamanti) la Repubblica di oggi.
Non è per confermare questa tesi che usciranno alcuni post che chiamano in causa Ministri e politici nazionali.
Piuttosto l'intento è quello di esprimere e possibilmente confrontare alcuni punti di vista su problemi e tesi che richiedono spirito critico, riflessioni, proposte ed iniziative non scontate.

venerdì 18 gennaio 2019

Le Grandi opere, i Referendum e Quelli del SI


Bologna, la cima del campanile della Chiesa di Sant'Isaia dopo il terremoto di lunedì 

















In Italia, Grandi Opere sono necessarie ed urgenti: per la messa in sicurezza del territorio e della vita delle persone dai rischi sismici ed idrogeologici; per risanare e bonificare al Nord ed al Sud industrie inquinanti e discariche di rifiuti tossici e nocivi gestiti con irresponsabilità; per dotare l'intero Paese di energie rinnovabili e di infrastrutture e servizi di mobilità sostenibili.

giovedì 17 gennaio 2019

Lettera aperta sul TAV

La Rete Ferroviaria Italiana, in superficie, che attraversa Bologna (dicembre 2018)

















Care madamine, abbiamo letto e ascoltato vostri interventi riguardo alla nuova Linea Ferroviaria Torino-Lione. Ci sembra che attribuiate a quest’opera un valore del tutto simbolico, non ritroviamo nelle vostre parole né dati tecnici né scenari di futuro basati sulla realtà fisica, mentre compaiono soltanto aspettative generiche che nulla hanno a che vedere con un traforo sotto il massiccio dell’Ambin.
Chi si oppone a tale opera lo fa da oltre vent’anni basandosi su grandezze fisiche e previsioni analitiche. Proviamo pertanto, come docenti universitari, a proporre di fare qualche passo avanti su una questione che rischia di basarsi su una tifoseria tribale più che su elementi razionali.

mercoledì 9 gennaio 2019

Mal'aria! Continuiamo così? Sveglia, è ora di cambiare.

Le 12 corsie urbane del grande Asse viario A14 - Tangenziale. Si vogliono altre 4-6 corsie?

















Ieri tutte le 6 stazioni che a Bologna e provincia misurano la qualità dell'aria hanno registrato valori di PM10 superiori al limite di legge. Solo in Appennino, a Castelluccio di Porretta, il valore delle polveri sottili era a livelli accettabili.
Le cinque centraline localizzate in Città e lungo la via Emilia (via Chiarini, Giardini Margherita, Porta San Felice, San Lazzaro e Imola) registravano "medie giornaliere" superiori al limite di legge di 50 microgrammi per metro cubo: 70, 77, 78,71, 72 (dati ARPAE).
Anche in pianura, a San Pietro Capofiume di Molinella, il valore ha raggiunto quota 53.

lunedì 7 gennaio 2019

Africa, il primo anno senza Migrazione

L’oscura pericolosa magia del muoversi insieme, verso l’ignoto, che dava moto agli alberi stecchiti, alle capanne di lamiera, alle luride piste di sabbia, non si ripeterà. Eppure, così, i giovani facevano la Storia camminando, la loro vita era un’epopea, un’odissea.

martedì 1 gennaio 2019

2019 auguri! L'anno che vorrei ...


Il primo appuntamento per il 2019

























Un anno di pace, disarmo, accoglienza, partecipazione, conversione ecologica, salute, manutenzione del territorio, giustizia sociale, cooperazione, lavoro socialmente utile, democrazia, onestà, rispetto, libertà, cultura, ...

sabato 22 dicembre 2018

Quelli del Si (secondo interesse)

Bologna, il People Mover: la rotaia sopraelevata che collega Stazione FS ed Aeroporto 

















Da Torino a Milano, da Roma a Bologna: Si alle "grandi opere", Si alle infrastrutture, Si al lavoro.
Confindustria e Confartigianato, Associazione Costruttori e Legacoop alzano la voce.
Amplificano TV, giornali e commentatori interessati. Rispondono vecchi e nuovi partiti attenti, soprattutto, a gestire potere e relazioni d'affari.
Pochi, tra questi, selezionano i progetti e l'occupazione in base alla qualità degli investimenti.
Eppure nessuna scelta è neutra, priva di conseguenze sullo sviluppo civile e sulla sostenibilità ambientale, sociale ed economica delle produzioni e delle comunità.
Servono riferimenti e immagini? Eccone alcuni.

martedì 18 dicembre 2018

Da Parigi a Katowice

Passi troppo piccoli, tempi troppo lenti, leadership globale in netto calo rispetto a Parigi. Il bilancio della Conferenza di Katowice non è entusiasmante. Soprattutto dopo il rapporto dell’Ipcc che aveva valutato la differenza degli impatti di un aumento da 1,5°ai 2°C. Oltre alla valutazione di una finestra di 12 anni per rispettare l’obiettivo di non superare i 1,5°C. Ci si aspettava un impulso alla revisione degli impegni nazionali. Non c’è stato e così questa 24ma Conferenza sui cambiamenti climatici è stata politicamente assai deludente.

lunedì 10 dicembre 2018

Quel pacco!

Poste Italiane. L'entrata dell'ufficio di Palazzo Dè Toschi, in piazza Minghetti, 

















Giovedì 22 novembre il solerte pensionato (sempre a disposizione per amiche ed amici ancora impegnati sul lavoro) si rivolge all'ufficio postale di via Pizzardi per spedire un pacchetto a Terni.

martedì 4 dicembre 2018

Bologna ieri e oggi. La sfida per 3 grandi opere

Bologna anni '60. Ai confini est della Città, si lavora per Tangenziale ed A14

















Bologna oggi. La Città si è estesa, Tangenziale ed A14 l'attraversano ...

















La prima foto è stata esposta per alcune settimane a Palazzo d'Accursio per la Mostra sul 1968. Propone una immagine efficace scattata dal grattacielo di via Cellini, in zona Massarenti: il nuovo grande asse viario in costruzione (tra il 1964 e il '67) è ai limiti delle edificazioni esistenti. Oltre, ci sono quasi esclusivamente terreni agricoli (con l'eccezione del piccolo insediamento della Croce del Biacco).
La seconda foto (come tutte le altre) è stata scattata ieri (all'ora di pranzo) ed evidenzia i cambiamenti intervenuti in 50 anni.

venerdì 30 novembre 2018

Ai Distruttori rispondere con la Democrazia


La significativa prima pagina del Corriere di Bologna di oggi

















Lorsignori ci provano. Legittimo, difendono le loro politiche, i loro interessi e il loro potere.
Il Corriere (della Sera e) di Bologna lo esplicita, senza giri di parole: "non sarà proprio un movimento potente come quello delle madamin torinesi pro TAV, ma è un piccolo segnale nella stessa direzione".
Il riferimento è al "fronte del Si" al Passante di Mezzo per il quale "vale la firma del 2016" tra Matteo Renzi, Stefano Bonaccini, Virginio Merola e Giovanni Castellucci.

venerdì 23 novembre 2018

Un Bilancio 2019 senza responsabilità sociale e ambientale


"A Bilancio mancano le maschere anti smog"!
La critica/provocazione di cittadini davanti al Quartiere San Donato - San Vitale
(il Resto del Carlino, 19 novembre) 

















Non sono solo i giovani rivoluzionari a cambiare opinione una volta entrati nelle Assemblee elettive o nelle "stanze dei bottoni" con l'intento di cambiare il mondo.
Anche politici over 50 con alle spalle una lunga militanza di partito ed istituzionale si rimangiano la parola.
"Se vi va tutto bene, io non vado bene" aveva scritto e ripetuto nel 2011 Virginio Merola.
Poi, una volta eletto a Palazzo d'Accursio quell'approccio è stato abbandonato.

venerdì 16 novembre 2018

Smog: supermercati e Passante le risposte?

Bologna e l'Emilia Romagna sono di nuovo, da due giorni consecutivi, con le polveri cancerogene oltre i valori limite!
Nel capoluogo il dato è registrato in tutte le 4 stazioni di monitoraggio fisse di ARPAE. Ma in pianura e a Imola non va certo meglio.
A Reggio le PM10 hanno superato per ben 6 volte negli ultimi 7 giorni i 50 microgrammi per metro cubo.
Le PM (fini) 2,5 sono altrettanto allarmanti e (come noto) più pericolose.
Le risposte delle autorità preposte alla tutela della salute pubblica sono disarmanti.

mercoledì 14 novembre 2018

Le piazze, l'informazione, la politica

Bologna. Dentro e fuori il Comune, per la qualità della vita (novembre 2018)

















Da Torino a Bologna, da Roma alla Puglia. Le piazze si riempiono, danno voce a bisogni e speranze di milioni di cittadini, spesso dissonanti. L'informazione (pubblica e privata) propone letture, amplifica o rimuove persone ed istanze, sostiene tesi. La politica dibatte, confusa, e fatica a scegliere tra evidenti contraddizioni ed interessi contrapposti. Spesso partiti e militanti alzano i toni, confondono i ruoli, nella speranza di rinviare le risposte, di maturare e mediare nuove soluzioni.
Proviamo a ragionare nel merito, evitando propaganda ed insulti contrapposti.

martedì 6 novembre 2018

Situazione apocalittica?

Prevenire si può! Ambientalisti manifestano per uno sviluppo eco-compatibile (Rimini, dicembre 2015)
Che tristezza ascoltare o leggere le dichiarazioni di diversi esponenti politici sui fatti che colpiscono l'Italia. Ancora una volta manifestano una sostanziale incapacità di riflettere sulle esperienze e, soprattutto, si mostrano intenti a perseguire obiettivi di corto o cortissimo respiro.

domenica 28 ottobre 2018

Merola, Bonaccini e Conte tra smog e Passante

Nubi nere si alternano a raggi di sole su Bologna e sul popolo inquinato (ottobre 2018)

















"Un Ministro della Repubblica rappresenta tutti, non solo i propri elettori" scrive Olivio Romanini su il Corriere di Bologna. Vero, giusto.
Analoga responsabilità va naturalmente ricordatata ad un Presidente di Regione o ad un Sindaco (anche se nel suo articolo l'editorialista non lo dice).
"La buona novella" sarebbe che Governo, Regione e Comuni abbandonassero atteggiamenti arroganti, strabici, unilaterali o falsamente contrapposti (ancora assai presenti nel confronto pubblico) e cooperassero per dotare finalmente Bologna, l'Emilia Romagna, la Pianura Padana e l'Italia intera di infrastrutture e sistemi di mobilità eco-compatibili.

lunedì 22 ottobre 2018

AbbracciAMO il BOSCO, ambiente e salute sono priorità!

Bologna, 20 ottobre. In tantissimi ai Prati di Caprara per una Città eco-compatibile 

















Difficile dire se le tantissime persone che hanno accolto l'invito di Rigenerazione No Speculazione ed hanno manifestato per salvaguardare il grande polmone di verde urbano dei Prati di Caprara potranno fare breccia in Amministratori pubblici che fin qui non hanno voluto ascoltare ragioni.

martedì 16 ottobre 2018

L'aria che tira. Quanto dista l'Emilia dalla Baviera?

Il cielo grigio - inquinato sopra Bologna ... (inverno 2018)

















Domenica in Baviera gli elettori hanno interrotto una lunghissima egemonia dei Cristiano Sociali della CSU, versione regionale dei cugini Cristiano Democratici della CDU di Angela Merkel. Per molti decenni avevano governato da soli il Land, una delle terre più ricche e produttive di Germania.
Da oggi, con un pur consistente 37%, saranno costretti a trovare nuovi alleati con cui dividere le responsabilità.

mercoledì 10 ottobre 2018

Senza Progetto, senza coraggio, senza futuro


Il RdC del 1 ottobre scorso. 10 giorni dopo pare che le lancette siano tornate indietro di 6 mesi ...
Era un pesce d'aprile ?!


















Questa volta la Regione Emilia Romagna aveva anticipato tutti. A settembre ha annunciato per il primo giorno di ottobre il blocco degli automezzi diesel euro 4. Nessun altro lo aveva deciso, in Pianura Padana (l'area più critica per smog) e in Italia.
Finalmente una sana (auto)critica di pubblici amministratori del PD nei confronti delle politiche nazionali di incentivi alla rottamazione di auto senza qualità (e senza controlli affidabili!) perseguita per anni a favore delle grandi industrie automobilistiche?!

lunedì 8 ottobre 2018

Chi (si) è fuso?

Ieri i cittadini di 4 comuni del bolognese sono stati chiamati al voto per un Referendum Consultivo che doveva portare a costituire due nuovi Comuni.
I Sindaci e gli Amministratori delle maggioranze politiche di Castenaso e Granarolo (tutti di Centrosinistra) hanno lavorato e concordato, con la Giunta Bonaccini - Gualmini, per dare vita a Terre Villanoviane, Villanuova dell'Emilia, Castegranaro, Villagrande oppure Castenaso Granarolo.

giovedì 4 ottobre 2018

Riace, l'accoglienza realizzata ...

Emiliani, europei, africani, americani manifestano per i diritti umani (Bologna, maggio 2017)


















Domenico Lucano, il sindaco di Riace, arrestato con motivazioni pretestuose che rispondono più a un desiderio esplicitamente espresso dal ministro Salvini che a ragioni di ordine giuridico, non è solo, come è stato detto, «il simbolo dell’accoglienza».
È l’accoglienza realizzata, a beneficio tanto dei nuovi arrivati che dei cittadini italiani di paesi che prima del loro arrivo erano stati costretti ad abbandonare, per emigrare anche loro.

lunedì 1 ottobre 2018

Pulizia e Polizia

L'ingresso dei Prati di Caprara a conclusione della iniziativa ... (sabato 29 settembre)

















I volontari che hanno raccolto l'invito di Legambiente e del Comitato Rigenerazione No Speculazione hanno separato e consegnato ad Hera una montagna di "rifiuti", ovvero di materiali vari da recuperare e riciclare.
I poliziotti che hanno presidiato in forze i Prati di Caprara lo hanno presto capito e sicuramente apprezzato.

domenica 30 settembre 2018

Affrontare contraddizioni, conflitti e sfide

La pagina del Corriere della Sera che commenta l'elezione di David Ermini

















Ci attendono mesi di tensioni e di aspra lotta politica.
L'assenza di spirito critico e propositivo da parte di ogni cittadino rischia di lasciare le scelte sul nostro comune futuro, sui diritti e sui doveri universali e di ognuno di noi, a persone impreparate, inaffidabili o corrotte.
Molto dipenderà dalla evoluzione culturale, sociale e politica dell'Italia e dell'Europa.
Nulla è scontato, tutto è in gioco: per le nuove generazioni e per quelle che sperano di vivere bene gli anni della maturità, della terza e quarta età.
Solo alcune evidenze.

venerdì 28 settembre 2018

10 anni di crisi: la finanza non è cambiata

Rischiamo di tornare al 2008, alla casella di partenza. Al fallimento della Lehman Brothers, momento più emblematico della peggiore crisi della storia recente. A dirlo non sono voci fuori dal coro, ma alcune delle principali istituzioni internazionali.
Prima dell’estate era stato il Fmi a segnalare i crescenti rischi per il sistema finanziario globale. Nei giorni scorsi gli ha fatto eco l’Ocse, lanciando l’allarme per una possibile nuova crisi.
I motivi sono diversi. Il primo e principale è che la finanza non è cambiata.

sabato 22 settembre 2018

Più verde e manutenzioni, meno traffico: possibile?

























L'ultima uscita di Virginio Merola esprime il punto di caduta di una Amministrazione che pare sempre più indifendibile.
A distanza di una settimana dall'annuncio di un impegno diretto del Comune nel restyling dello Stadio Renato Dall'Ara per 30 (TRENTA) milioni e dalla rassicurazione che questo impegno non toglierà risorse ad altri investimenti importanti o servizi di importanza strategica, il Sindaco dice alla Città che "se salta il Passante (di Mezzo) addio bosco".

giovedì 20 settembre 2018

Bologna, da via Libia ai Prati di Caprara: consumo di suolo zero?

Bologna, via Libia. Iniziati i lavori per un nuovo supermercato (settembre 2018)

















"Consumo di suolo zero" e "rigenerazione urbana" hanno annunciato gli Amministratori regionali e locali del PD e delle maggioranze di Centrosinistra: Virginio Merola, Raffaele Donini e Stefano Bonaccini in testa.
Ma a Bologna dobbiamo constatare che le parole sono contraddette dai fatti.

venerdì 14 settembre 2018

30, 18, 400-500, 2019: il nesso, oltre i numeri

Virginio Merola dopo la cena con Joey Saputo (il Carlino Bologna, 11 settembre)

















La tesi di uno dei fondatori del PD, Gad Lerner ("La sinistra da anni subalterna ai grandi capitalisti. Il Partito riparta senza di noi, amici dei potenti") pare inascoltata. Almeno a Bologna e in Emilia Romagna.
Il Resto del Carlino di martedì propone due pagine, una a fronte dell'altra, che parlando di fatti (e numeri), evidenzia sufficientemente questo dato.

mercoledì 12 settembre 2018

Una lettura assai utile

"L'UE mostri il suo lato pop" di Thomas Piketty
La Repubblica di ieri (pag.27) pubblica un articolo di Thomas Piketty, pubblicato giorni fa in Francia. L'economista offre alcuni spunti originali e non comuni nel dibattito corrente nel nostro Paese (anche per il quotidiano nazionale che lo ospita).
Le sue analisi e le sue tesi potrebbero aiutare molti italiani ad una lettura più attenta (e in diversi casi autocritica) dei fatti politici, sociali e culturali che riguardano il nostro Paese e l'Europa.
Consentirebbero al confronto pubblico di fare un serio passo avanti e di approfondire con maggiore serietà e rigore questioni dirimenti per il futuro comune, oltre una sempre più insopportabile propaganda di parte, per provare (tutti!) a misurarsi con maggiore autonomia di pensiero e con proposte nuove e creative la fase complessa e del tutto nuova che siamo chiamati ad affrontare.

1. Piketty propone categorie di lettura e di interpretazione dei principali soggetti politici nazionali tutt'altro che scontati.

martedì 4 settembre 2018

Per cambiare il Governo


Le tesi di Gad Lerner sul PD dopo Genova (intervista a il Fatto Quotidiano)

















A molti cittadini ed elettori, anche tra quelli che hanno votato M5S o Lega, questo Governo non piace.
Per ragioni diverse. A volte, opposte. Intendiamoci, pochi rimpianti per il passato più o meno recente (fosse di Berlusconi e Tremonti, di Monti e Fornero, di Letta ed Alfano, di Renzi o di Gentiloni).
Ma il Conte - Di Maio - Salvini si può cambiare?

martedì 28 agosto 2018

Migranti. Conversione ecologica o barbarie

Ragazzi africani in visita a Venezia. Due mondi, un destino comune (agosto 2017)

















L’Unione, già Comunità (che vuol dire mettere le proprie risorse in comune) Europea, si sta dissolvendo sotto i nostri occhi. Forse si è già dissolta. A prima vista la causa più evidente del fallimento è la cosiddetta «crisi migratoria».

venerdì 24 agosto 2018

I peccati della sinistra senza popolo

L'intervista a Stefano Bonaccini su la Repubblica di oggi

























Chissà se Stefano Bonaccini ed Irene Priolo, Andrea De Maria e Raffaele Donini hanno letto l'articolo della prof. Nadia Urbinati di martedì scorso (21 agosto) pubblicato da la Repubblica (pag.30): "La crisi del PD. I peccati della sinistra senza popolo".