giovedì 1 dicembre 2022

Una assemblea, una prospettiva, un percorso ...

Bologna for Climate Justice propone uno spazio collettivo di riflessione ed elaborazione ...











Lo scorso 22 ottobre a Bologna decine di migliaia di persone hanno manifestato dietro lo striscione ‘Fine del mese, fine del mondo: stessa lotta!’. La consapevolezza che i tanti fili delle nostre lotte portino allo stesso nodo è ormai radicata, e oggi costruire giustizia climatica non può che significare cambiare sistema.

venerdì 25 novembre 2022

Un mese dopo ...

La Fascia Boscata realizzata negli anni '80 a fianco di A14-Tangenziale di Bologna ... 










Il 22 ottobre scorso un grande corteo ha attraversato le strade e la tangenziale di Bologna per indicare alle Istituzioni alternative possibili e mature: più investimenti per la mobilità collettiva e non inquinante e stop a Passante di Mezzo, terze e quarte corsie in A1, A13, A14, Autostrade Cispadana o Bretella Campogalliano - Sassuolo; maggiori risorse nel risparmio energetico e nelle fonti rinnovabili e non "rigassificatori", ulteriori trivellazioni in Adriatico, altri impianti per la commercializzazione di carburanti fossili ... In prima fila ragazze e giovani: da Fridays for Future a Extinction Rebellion, a Bologna for Climate Justice (vedi qui). Un mese dopo, il 22 novembre, i grandi organi di comunicazione informano di una conferenza stampa a Palazzo d'Accursio tra il Sindaco di Bologna e l'Amministratore Delegato di Autostrade per l'Italia.

lunedì 21 novembre 2022

Il sonno della Regione genera morti ...


Tre giornate di mobilitazione di XR alimentano il confronto sulle scelte politiche necessarie 











Nel 2019 L’assemblea regionale dichiarava l’emergenza climatica ed ecologica. Nel 2020 si insediava la nuova Giunta con una Vicepresidente “ecologista e progressista”. Nel 2021 le associazioni regionali e di categoria venivano chiamate per scrivere e siglare il Patto per il lavoro e per il clima.  Oggi, in piena crisi eco-climatica, in Emilia Romagna si continua a parlare di avveniristici progetti di cattura della CO2, di costruzione di nuove autostrade e relativi poli logistici, di derogare l’uscita dal diesel per salvaguardare la "Motor Valley", di costruire impianti di risalita laddove neve non c’è più, di puntare su un modello di turismo mordi e fuggi che gentrifica le città, aggrava la situazione di marginalizzazione dei ceti più deboli, lascia indietro le zone rurali. Insomma, da un lato si scrivono piani, ricchi di buone intenzioni e dall’altro si continua o si peggiora il "business as usual". 

giovedì 17 novembre 2022

Elly Schlein e/o Stefano Bonaccini: il PD in versione Emilia?

Il tronco di un albero tagliato al Parco bolognese del Paleotto: urge una nuova strada ... 










A metà mandato la Vicepresidente ha abbandonato l'impegno istituzionale assunto nel febbraio 2020 per fare la parlamentare e contribuire ad un "cambio generazionale" nel PD, che ha scelto come suo partito di riferimento. Per la seconda volta, avendolo abbandonato da eurodeputata per dare vita a Possibile nel 2015. Da tempo vari commentatori la vedono come candidata alla Segreteria nazionale. Altri come "seconda" in un ticket che vedrebbe al vertice del Nazareno il Presidente della Regione, Stefano Bonaccini. A perorare esplicitamente questa causa onorevoli dirigenti di lungo corso che pare antepongano la nostalgia alla ricerca storica, presunti nuovi leader a politica partecipata, conservazione a trasformazione sociale.

sabato 12 novembre 2022

Cultura, scienza e Politica per uscire dai "fossili"

In Emilia Romagna un blocco "gramsciano" di potere da il via al rigassificatore di Ravenna









Si intitola "Benzina sul fuoco" la serie di podcast dedicati alla relazione fra l’industria petrolifera e la crisi climatica. Usciva proprio in concomitanza con la COP 26 di Glasgow. Intervistiamo uno degli autori, Marco Grasso, professore di Geografia Economica e Politica all’Università Milano-Bicocca, che sullo stesso tema ha scritto, assieme al giornalista Stefano Vergine, il libro "Tutte le colpe dei petrolieri". 

lunedì 7 novembre 2022

Un giorno di svolta: eravamo più di 50 ...

Uno, nessuno e centomila ... sabato a Roma per il cessate il fuoco e il disarmo










«Beh, siamo più di 50, ma non siamo pericolosi». Così, ironico, Landini ha cominciato il suo discorso che ha concluso la manifestazione per la pace di Piazza San Giovanni a Roma. Poteva essere più che ironico nei confronti di Giorgia Meloni – ma anche di tutti quelli che avevano prevista una piazza semivuota, perché «gli amici di Putin sono una assoluta minoranza» – vista la gigantesca folla che è arrivata, molti solo quasi alla fine per via delle dimensioni del corteo.

martedì 1 novembre 2022

Passante No, Passante Si, Passante ni, passante chi?

L'Assemblea No Passante nel cuore dell'Università il giorno dopo la grande manifestazione ... 










Come ha inciso la grande manifestazione di Bologna contro il Passante di Mezzo sulle forze politiche, sociali e di governo? In quale contesto si muoveranno i promotori di "Convergere per insorgere" e i sostenitori di una svolta nelle politiche economiche e infrastrutturali del Paese? Per il momento solo segnali impercettibili e tutti da verificare. Ma la pazienza, si dice, è virtù dei forti e l'Assemblea No Passante con il Festival di Piazza Scaravilli di domenica 23 ottobre (qui la fotocronaca) ha dimostrato di avere risorse, energie e idee su come continuare una lotta di lunga durata nell'interesse comune.

giovedì 27 ottobre 2022

Prime riflessioni su una giornata memorabile per l'Italia e per Bologna

Tantissime/i alla manifestazione contro il Passante a 16-18 corsie in Mezzo a Bologna ...










Quanto ad arroganza Stefano Bonaccini ed Andrea Corsini, Virginio Merola e Matteo Lepore non debbono prendere lezioni da nessuno. Oramai la loro interpretazione della Costituzione e della democrazia è pari a quella di molti altri esponenti della politica nazionale ed internazionale. Si vota (ogni 5 anni) e "chi vince decide". I cittadini che criticano e contestano merito e metodi sono sempre e comunque "minoranze" che non possono interferire con il procedere dei "cantieri" o rivendicare diritti - doveri universali e costituzionali.

sabato 22 ottobre 2022

Cessate il fuoco, negoziati e disarmo!

A Bologna con Europe for Peace una delle cento iniziative di questo fine settimana ...

 


 









Sarà una grande manifestazione per la pace, quella del 5 novembre a Roma. Una grande mobilitazione, lanciata da “Europe for Peace” contro l’aggressione di Putin all’Ucraina, per chiedere l’immediato cessate il fuoco e l’apertura di un negoziato su basi giuste. La continuazione della guerra sulla pelle della popolazione ucraina è inaccettabile.

martedì 18 ottobre 2022

Da People Mover & F.I.CO. a Passante di Mezzo & Rigassificatori?

A Bologna, verso la manifestazione nazionale operai, studenti, popolo inquinato di sabato prossimo ... 










Sono ancora e sempre "Quelli". Competenti? In affari, i loro. A scapito delle comunità, anche bolognesi ed emiliano romagnole. Negli anni della pandemia e della guerra che giunge nel cuore dell'Europa, della crisi economica e produttiva globale, dell'insicurezza e del caro vita che colpisce gran parte della popolazione, possiamo continuare come nulla fosse con obiettivi programmatici ed investimenti "del secolo scorso"?

domenica 16 ottobre 2022

Un negoziato credibile per fermare la guerra


Il popolo della pace torna nelle piazze d'Italia e della capitale il 5 novembre: cessate il fuoco!  










La minaccia di un’apocalisse nucleare non è una novità. L’atomica è già stata usata. Non è impossibile che si ripeta. È caso ampiamente contemplato nei manuali di strategia. Di fronte a questa minaccia l’opinione pubblica sembra pericolosamente assuefatta. Nessuna forte reazione popolare, nessuna convinta e razionale volontà di impedirla. Si diffonde una pericolosa sensazione di inevitabilità e di rassegnazione, o, peggio, l’idea che solo una “resa dei conti” possa far nascere un nuovo e stabile ordine mondiale. Ma oggi nessuna guerra può imporre un ordine sotto le cui macerie non restino il pianeta, i popoli, l’umanità tutta. Non ci si può rassegnare.

lunedì 10 ottobre 2022

Se per Democratici, Sinistra e Verdi un voto deve essere utile ...

Sul Passante in Mezzo a Bologna è il momento della verità, eppure c'è molto buio











Per Stefano Bonaccini e Vincenzo Colla le cose vanno bene in Emilia Romagna. E non ci fosse stata la pandemia a pochi giorni dall'insediamento della Amministrazione regionale del 2020 "la crescita, le produzioni, i servizi, l'occupazione avrebbero toccato livelli ottimali". Per il Presidente della Giunta questa situazione è frutto del sistema costruito nei decenni ("nel dopoguerra l'Emilia era un insieme di città distrutte"), del metodo che coinvolge sistematicamente nelle scelte "strategiche" organizzazioni industriali e delle categorie economiche, sindacati confederali e ordini professionali, fondazioni bancarie e università, anche associazioni ambientaliste, come Legambiente ...

giovedì 6 ottobre 2022

A chi spetta fermare Putin e Zelensky?

Una bandiera della pace a Bologna. Dalla responsabilità personale ad una mobilitazione generale


















La guerra in Ucraina procede e nessuno dei contendenti e dei sostenitori pare disposto a rinunciarvi. Anzi. Putin mobilita centinaia di migliaia di riservisti e li addestra per il fronte. Nelle zone occupate si svolge un referendum sotto il controllo militare dell'esercito per riconoscere a quei territori la sovranità di Mosca, che consente - ora - di usare ogni arma per la difesa della "grande patria russa". Sull'altra sponda, Zelensky - forte delle armi e dei finanziamenti di USA e NATO - sostiene che la controffensiva di Kiev continuerà fino alla liberazione di tutti i territori nazionali riconosciuti all'Ucraina fino al 2014, Crimea inclusa, e firma un decreto che rifiuta ogni trattativa con Putin.

lunedì 3 ottobre 2022

In marcia con Puliamo il Mondo: "per un clima di pace"

Un gruppo di volontari impegnati con Puliamo il Mondo 2022 a Bologna, nel Quartiere Navile










Ancora una volta in nome dell’ambiente e della cittadinanza attiva. Al centro la tutela e valorizzazione del territorio, città più pulite e vivibili, il senso di comunità unito al rispetto e all’accoglienza. È questa l’essenza di Puliamo il Mondo, la storica campagna di volontariato di Legambiente, edizione italiana di Clean up the World, che da 30 anni chiama all’azione, a fine settembre, cittadini di tutte le età per ripulire dai rifiuti abbandonati aree verdi, strade e piazze, angoli della città, sponde di fiumi e spiagge. 

martedì 27 settembre 2022

Una prima sfida al Governo di Giorgia Meloni ...

Cittadini, movimenti ed associazioni impegnati a costruire una grande mobilitazione ...










Chi ama la sintesi estrema può fermarsi a un dato: Giorgia Meloni è passata da meno di un milione e mezzo di voti del marzo 2018 a oltre 7 milioni e 300 mila e si candida naturalmente alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Prima donna e prima personalità della Destra italiana. Merito suo e dei Fratelli è sicuramente quello di essersi mossi sin qui con maggiore professionalità e "lungimiranza" di altri dirigenti di partito ed eletti nelle istituzioni. Ora si apre una nuova sfida: la direzione del Governo e il rapporto con il Paese reale. Nelle contraddizioni profonde che vivono l'Europa e il Pianeta.

sabato 24 settembre 2022

23 e 25 settembre: cambiamo aria!

 

La manifestazione dei giovani di Fridays for Future a Bologna: basta "greenwashing"!











La recente conferenza internazionale sulla decrescita Venezia 2022 ha mostrato che nel corso degli ultimi anni, anche senza che nessuno la perseguisse esplicitamente, si è di fatto verificata una convergenza tra visioni e prospettive di una società futura che fino a poco tempo fa sembravano distanti o addirittura alternative: quelle che rispondono ai termini decrescita, ecosocialismo, ecofemminismo, società della cura, giustizia sociale e ambientale, conversione ecologica.

Voto per il disarmo, la conversione ecologica, la giustizia sociale

Manifesti negli spazi elettorali del Comune di Bologna, per la Camera dei Deputati ...










Per atti concreti e coerenti di riduzione delle spese militari e di resistenza non violenta alle logiche imperiali delle grandi potenze e nei confronti di dittature o regimi autoritari. Per istituzioni sovranazionali che riconoscano parità di Diritti e Doveri universali ai popoli di tutto il mondo, contro la legge del più forte e potente.

mercoledì 21 settembre 2022

In marcia: il 23 settembre e il 22 ottobre ...

 

Tante ragazze e giovani, ieri, alla assemblea bolognese di presentazione della manifestazione del 22 











La piattaforma dello sciopero globale per il clima in programma in tutto il mondo venerdì 23 settembre in Italia si intreccia con la campagna elettorale. Le piazze di Fridays For Future si riempiranno a due giorni dal voto e per questo – almeno nel nostro paese – le rivendicazioni del movimento intrecciano i programmi elettorali: «Volete il nostro voto ma ignorate la nostra voce» scrivono i giovani del movimento

lunedì 19 settembre 2022

In bici, in tanti: per cambiare la Città ed il Paese ... (capitolo sei)

A Bologna in 3mila al Bike Pride 2022: "rispetta il ciclista" e cambia la Città e il Paese ... 

 










L'orgoglio di tanti ciclisti quotidiani si è fatto sentire ancora una volta: in bici è bello, si apprezzano tanti aspetti e problemi che diversamente sfuggono, si fa attività motoria, si risparmiano soldi e tempo, non si inquina e si salvaguardano beni comuni essenziali ... Donne e uomini, nonni e ragazzi, genitori e bambini di ogni classe sociale si sono ritrovati sabato scorso in Piazza Lucio Dalla e hanno sfilato per le vie della Bolognina e del centro, in gran parte mossi da un Progetto diverso di società e di organizzazione del territorio.

venerdì 16 settembre 2022

Ripetenti

Ogni volta le stesse parole! Le loro: "un evento eccezionale", "mai visto, a memoria d'uomo", "era imprevedibile". Il Ministro Andrea Orlando in Parlamento dice: "avevamo avvisato, da domenica era allarme, emergenza con rischi per la vita delle persone". Le nostre: "occorre prevenire", "è urgente un piano per la manutenzione straordinaria e la messa in sicurezza del territorio", "le priorità negli investimenti non sono nuove grandi opere, ma interventi contro il dissesto idrogeologico, la deforestazione, la cementificazione e l'edificazione continua".

mercoledì 14 settembre 2022

In marcia, Emilia cuore di contraddizioni ... (cap. 5)

 

Nel cuore dell'Emilia "rossa", anche i "verdi" a sostegno dell'intramontabile "bianco" ...











C'erano autorevoli professori universitari e liberi professionisti con elevate competenze amministrative, esponenti di movimenti ambientalisti e semplici cittadini, studenti di Fridays for Future, Parents e nonni for Future a consegnare, ieri pomeriggio, in Regione un lavoro di molti mesi. Proposte concrete e di governo per avviare la conversione ecologica dell'Emilia Romagna e del Paese.

sabato 10 settembre 2022

In marcia, per produzioni socialmente utili ... (cap. 4)

 

Matteo Renzi, Stefano Bonaccini ed il management della Philip Morris all'inaugurazione del 2016










Da anni uomini di Governo e di Confindustria propongono di affrontare i problemi della economia e della società con la crescita del PIL e la cura di "industria 4.0". Tra gli esempi nazionali più virtuosi quello di Philip Morris. Ecco un racconto puntuale e simbolico, di Milano Finanza. Alle inaugurazioni sempre in prima fila Presidenti del Consiglio, Ministri, e Amministratori locali del Partito Democratico. Ma anche esponenti del Centrodestra di Governo e uomini del cosiddetto "terzo polo".

giovedì 8 settembre 2022

In marcia, per la decrescita necessaria ... (capitolo 3)

Un popolo consapevole e critico in campo contro opere inutili e per recuperare i Beni Comuni 










Il Pil è diventato il concetto dominante dei nostri tempi per misurare l’economia. La crescita economica, però, maschera la povertà che crea, mediante la distruzione della natura e della sua capacità di fornire beni e servizi, e mediante la distruzione delle capacità di autosostentamento delle comunità. 

martedì 6 settembre 2022

In Marcia, per altre priorità ... (capitolo due)

A Bologna, dalla Croce del Biacco, con Wu Ming in tanti per dire No al Passante ...   










Che significa oggi "competenza"? La risposta a questo interrogativo è scontata? Per Pierferdinando Casini ed Andrea De Maria (ovvero per i redattori del Carlino che hanno così titolato "il patto" elettorale" tra "i due big") forse si. Per molti che vivono il mondo d'oggi e le sue piccole grandi periferie sicuramente non altrettanto. O, meglio, si impone un supplemento di argomenti e di confronto culturale e politico.

lunedì 29 agosto 2022

In Marcia, per cambiare prospettiva ... (capitolo uno)

Dalla "bassa" all'Appennino passando per Bologna e lungo il Passante di Mezzo ...















La Regione Emilia Romagna ha stanziato 5,8 milioni di euro per il progetto di un nuovo impianto di risalita al Corno alle Scale. Il progetto prevede lo smantellamento della seggiovia esistente e il suo prolungamento di circa 200 metri su un tratto di montagna ripido e battuto da forti venti.

venerdì 26 agosto 2022

Energia: conservatori o innovatori?

BW Singapore: la nave per lo stoccaggio e la rigassificazione recentemente acquistata da Snam 










L’esplosione del prezzo del gas ha messo sulla bocca di tutti la parola rigassificatore, con due amministrazioni regionali – Emilia-Romagna e Toscana – in prima fila per ospitare un impianto. Mercoledì scorso, al Meeting di Comunione e liberazione, a Rimini, il presidente emiliano Stefano Bonaccini ha ribadito la volontà di realizzare l’impianto al largo di Ravenna: «Il rigassificatore lo faremo.

martedì 23 agosto 2022

Se "il mondo brucia" ... (8 domande ai candidati)

Un murales dipinto su una scuola di Bologna ricorda l'art.11 della Costituzione. Come rispettarlo? 










Forse è arrivato il tempo di fare un passo avanti. Presentate le liste dei candidati, ci si confronti con i grandi temi che sono davanti a noi e su cui abbiamo opinioni e convinzioni diverse. Uno si questi (il primo?) è quello della situazione internazionale, delle relazioni esistenti e da costruire tra gli Stati e i popoli del mondo. I conflitti armati ed economici interessano gran parte del Pianeta. Che fare? Il Governo di Mario Draghi si è unito su "europeismo" ed "atlantismo", per poi scontrarsi su riarmo accelerato o programmato ...

sabato 20 agosto 2022

A proposito di clima, di Politica, di Emilia e di elezioni


Un manifesto elettorale di Matteo Salvini a Bologna: ancora "crescita"! Senza conversione.













Disinformazione. Nel giorno del caldo, dei roghi e dei nubifragi, in prima pagina la Repubblica titola "clima malato". Dimenticando ciò che sostiene, sullo stesso giornale e lo stesso giorno, "lo scienziato Vincenzo Balzani: questi eventi sono legati ai combustibili fossili, che emettono anidride carbonica e fanno riscaldare il pianeta ... Qui o ci si mette in testa che il clima è la cosa più importante, o finiamo male". Ma pure il manifesto scrive: "clima impazzito" seppure, sempre in prima pagina, "denuncia - con Legambiente - come l'Italia sia l'unico dei grandi Paesi europei senza un piano nazionale di adattamento al clima. E' rimasto in bozza dal 2018, non si può continuare a rincorrere le emergenze senza una strategia".

giovedì 18 agosto 2022

Elezioni. I tre cardini del PD a trazione democristiana

Il Segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, con il candidato Pier Ferdinando Casini











Anche a dispetto dell’evidenza, è oramai invalsa la tendenza a giudicare l’evoluzione (o involuzione) del Pd alla luce della storia del comunismo italiano. Senza prendere in considerazione l’altra componente che in quel partito è confluita, quella democristiana. Per cui, valutato nella prospettiva del comunismo, ci si appella all’unione attorno al Pd come “la sinistra” o, in maniera alternativa ma speculare, ci si scaglia contro per i suoi “tradimenti”.

martedì 16 agosto 2022

A 4 anni da Ponte Morandi, per Benetton solo incassi

"Tutte le strade portano a noi": una straordinaria "pubblicità" di ASPI (2018) sulla A13










In questi giorni si parla moltissimo di candidati e di coalizioni per le prossime elezioni politiche, di fatti di cronaca o di diritti negati al popolo afgano un anno dopo il ritorno dei talebani e la fuga precipitosa di USA e NATO da Kabul dopo 20 anni di occupazione militare ... Quasi nulla, invece, si è detto e scritto su uno dei fatti più emblematici della recente storia d'Italia: il crollo di Ponte Morandi, una "storia di incuria, affari e politica".

giovedì 11 agosto 2022

Non bastano Agenda Draghi, Modello Bologna o Modello Emilia Romagna. Contano fatti e Progetti

Nel "mondo in fiamme" ... i primi manifesti di una campagna elettorale povera di Progetti 










Oltre le schermaglie elettorali e le lotte di potere, c'è anche una Politica che prova a misurarsi con le esperienze, i problemi e i progetti. A Bologna nei giorni scorsi Pier Giorgio Ardeni (Cantiere Bologna, 4 agosto) e Marco Palma (Cantiere Bologna, 5 agosto) hanno posto questioni importanti relative al presente ed al futuro della Città e del Paese.

sabato 6 agosto 2022

"Il progresso non coincide con la crescita"


Il grande Asse viario A14-Tangenziale che attraversa Bologna: da 12 a 16-18 corsie?










Per il bene del Paese è importante che la politica ascolti la scienza». A dirlo è Vincenzo Balzani, professore emerito dell’Università di Bologna, socio dell’Accademia nazionale dei Lincei, in lizza per il Nobel per la Chimica nel 2016, coordinatore del manifesto «Energia per l’Italia». 

mercoledì 3 agosto 2022

Quale futuro con Meloni - Salvini o Letta - Calenda?

Un popolo partecipe, critico e determinato che esige "verità e giustizia" continua la sua sfida ...   










Ancora una volta migliaia di cittadini hanno sfilato a Bologna in ricordo delle 85 vittime della strage alla Stazione e per chiedere verità e giustizia sul più grave atto di terrorismo compiuto in tempo di pace. Solo questa tenace Resistenza e volontà della Associazione dei familiari e di un popolo critico e determinato, che include donne e uomini delle Istituzioni rispettosi della Costituzione, hanno recentemente portato riscontri sulle complicità e sulle responsabilità che per decenni hanno lasciato impuniti organizzatori, mandanti e collusi.

domenica 31 luglio 2022

Treni e mare in Emilia Romagna (estate 2022)

Un sabato di treni cancellati e in ritardo alla Stazione Centrale FS di Bologna ...










Con il caldo che fa, il pensionato è bene che fugga dalla Città. "Vieni in montagna" gli ha suggerito un amico che da tempo ha deciso di passare l'estate in Appennino. No, l'arzillo quasi settantenne preferisce ancora il mare e poi, a Cesenatico, ha ereditato l'appartamento che il padre tipografo ha comprato con la liquidazione maturata al momento della pensione (anno 1972) ...

venerdì 29 luglio 2022

Agenda Fridays for Future

Migliaia di giovani provenienti da tutta Europa al Climate Social Camp di Torino ... 








Le tende hanno cominciato a popolarsi già domenica, nel prato che accompagna il corso di due fiumi, il Po e la Dora Riparia, sotto lo sguardo severo della Basilica di Superga. Il Climate Social Camp, evento collegato e in contemporanea al meeting europeo di Fridays For Future, è collocato su una confluenza in uno degli angoli verdi di Torino. E confluenza, intesa come unione, incontro, convergenza è una delle parole chiave per comprendere questo raduno internazionale degli ambientalisti, in particolare giovani, che parlano lingue diverse e – dando uno scossone ai più vecchi – provano a salvare il mondo.

sabato 23 luglio 2022

Europe for Peace. In piazza per fermare la guerra

Bologna, ieri in Piazza del Nettuno a mani nude per fermare guerra, guerre e riarmo

 










Dimenticata per la crisi di governo, la recrudescenza della pandemia e la torrida estate, la guerra in Ucraina è passata negli ultimi giorni in secondo piano. Ma la gravità di quel conflitto non è meno pesante di qualche giorno fa: i combattimenti continuano, le sofferenze della popolazione civile sono enormi e non ci sono spiragli per la fine degli scontri armati.

giovedì 21 luglio 2022

Eredità pesanti. Scegliamo innanzitutto le politiche ...

Un titolo "fuori dal coro" sulle prime pagine dei giornali di oggi (da il Fatto Quotidiano) 


















Dunque si voterà, presto. Il 25 settembre. Difficile, allo stato delle cose e con questi tempi, pensare ad uno sconvolgimento politico. All'aggregarsi di soggetti in base a riflessioni profonde e all'altezza delle sfide. Più facile pensare a narrazioni propagandistiche, superficiali e in continuità con quanto prodotto fin qui. Da partiti e forze politiche assai deludenti. Sui vari fronti. E, tuttavia, alcune alternative sono mature. E distinguono o uniscono i vari soggetti in competizione. Protagonisti del confronto - scontro in atto. Non tra due sole coalizioni: che finirebbero per sfidarsi al "centro" e per essere una alternanza "debole", vecchia, priva di alternative sociali e culturali sostanziali.

domenica 17 luglio 2022

Conte e Draghi, Slow Food, Zagrebelsky e tutti noi ...

Lo smog e l'ozono (cartina di Arpae, 15/7) colpiscono l'Emilia Romagna insieme a caldo e siccità


Il pensiero attuale del Segretario del PCI sulla copertina di un libro uscito nel centenario della nascita 


















Seguendo le cronache quotidiane del confronto politico nazionale pare che la sfida di questi giorni riguardi Conte e Draghi. Al massimo qualche ostinato e residuale esponente del M5S che insiste irresponsabilmente a porre questioni al Governo del "Migliore" e il resto dei partiti politici italiani, tutti più o meno consapevoli della complessità dei "nodi" da fronteggiare. Dal racconto scompaiono i problemi in cui ci dibattiamo giorno dopo giorno, da lungo tempo. O, al massimo, si propone un elenco di cose che non vanno (dalla pandemia alla guerra, dall'emergenza climatica alle crescenti ingiustizie sociali) per concludere che "quindi serve stabilità", nonché "tecnici" e "competenti".

lunedì 11 luglio 2022

2020: 201; 2021: 1.053; 2022: 95.804. Se contano i fatti ...

Un grafico che propone gli incrementi giornalieri e settimanali di 2 anni e 1/2 di CoronaVirus ...










Sono molti (e autorevoli) quelli che, in queste settimane, criticano "la fuga nelle complessità" per leggere fatti e vicende della vita considerati "semplici". E allora proviamo a proporre dati incontrovertibili. Nella convinzione che questa volta saranno gli stessi (molti e autorevoli) a suggerire cautele e riflessioni più ponderate. Che sono sicuramente opportune. Come sempre.

giovedì 7 luglio 2022

Si, discontinuità. Per una maggiore responsabilità sociale e ambientale

 

Il grande Asse viario A14-Tangenziale bolognese nel primo fine settimana di luglio 2022 ...









... e i dati delle centraline Arpae Emilia Romagna che indicano i livelli insopportabili di Ozono 













A creare vittime e danni irreparabili al Pianeta e ad ogni sua comunità locale è il meccanismo di crescita e di produzioni in essere. Perpetuato da classi dominanti avide di profitti e di potere. Che hanno pensato a lungo di poter risolvere le molte contraddizioni con l'intelligenza, la scienza, la tecnologia che sicuramente possiedono e sfruttano. Non regge. La natura e l'umanità si ribellano, volenti o nolenti. Così si impongono scelte nuove di governo. Nel mondo, in Europa, in Italia, in Emilia Romagna, a Bologna.

mercoledì 29 giugno 2022

Se la Democrazia è molto malata ... si può ripartire dai "compagni" di Bruno

Il discutibile titolo della prima pagina di Repubblica sul voto amministrativo ...

















L'ultimo degli incontri pubblici di giugno organizzati dall'Assemblea No Passante di Bologna ...


















Certi commentatori e politici in quanto a competenza e professionalità andrebbero bocciati. Li si capisce solo se si considera che seguono precisi interessi di parte e "narrazioni" strumentali. Ogni volta che aprono bocca fanno propaganda, senza il minimo rispetto per analisi obiettive e di verità. Mancano progetti credibili, valutazioni attendibili, scelte nette, azioni conseguenti, conflitti appassionanti ed appassionanti. Consideriamo le elezioni amministrative 2022.

venerdì 24 giugno 2022

La "Città più progressista": pensieri, azioni e interrogativi ...


Elisabetta Gualmini, Vincenzo Colla e Matteo Lepore con il management della Philip Morris ...














Tre domande al Sindaco di Bologna ed alla maggioranza che si propone di essere un riferimento nazionale ed europeo per il campo "democratico e progressista". Nascono da altrettanti fatti, scritti e notizie degli ultimissimi giorni. Riguardano la guerra e il pericolo delle armi nucleari, la "transizione ecologica" delle produzioni ed il consumo di suolo, le infrastrutture utili e strategiche per la mobilità degli anni 2030-2050.

mercoledì 22 giugno 2022

Sopra le nostre teste

Cittadini in Assemblea al Navile: ridurre l'impatto degli aerei è una delle nostre priorità  











Giovedì scorso abbiamo partecipato all’assemblea sull’Aeroporto Marconi, convocata nei campi sportivi della Pescarola per discutere l’ormai insostenibile situazione di chi vive nel quartiere. Le due ore di interventi sono state, per quante/i hanno partecipato, l’occasione per toccare con mano la quotidianità di chi abita lungo le rotte che gli aeromobili utilizzano per decollare e atterrare. L’impossibilità stessa di parlare, durante il sorvolo, è il segno tangibile di quanto sia alto l’impatto rumoroso degli aerei sulla quotidianità di chi qui vive, lavora, studia, pratica attività sportive o sociali.

sabato 18 giugno 2022

A Bologna "i Beni Pubblici devono rimanere pubblici"

D(i)ritti alla Città, Rete per gli spazi pubblici di Bologna, mercoledì ha portato in piazza le sue proposte 










"Non più cemento, ma costruzioni a basse emissioni e progetti che garantiscano efficienza energetica. E' questo l'obiettivo di Reinventing cities, concorso internazionale indetto da C40, la rete internazionale di città impegnata sul fronte della crisi climatica, che è stato presentato (giovedì) nell'area Dumbo. A Bologna, una delle quattro città italiane interessate al bando insieme a Roma, Napoli e Milano, le aree individuate per essere rigenerate sono due: quella del Ravone - Prati (di Caprara, ndr) di proprietà delle Ferrovie dello Stato e il Palazzo Aiuto Materno dell'ASP di Bologna, incastonato tra via Don Minzoni, via del Porto e via Rosselli. I team che vorranno provare a rigenerare la città dovranno presentare le proprie manifestazioni di interesse entro il 20 settembre, ma i vincitori si sapranno solo nel 2023". Lo scrive ieri il Corriere di Bologna

lunedì 13 giugno 2022

Bologna ed Emilia Romagna: protagonisti del cambiamento o terre di conservazione?

Ancora una volta "uno spettro si aggira per l'Europa" e la divide inesorabilmente ... 











A Bologna c'è una Assessora, Anna Lisa Boni, che insiste: "la neutralità carbonica è un obiettivo che la UE si è fissata di raggiungere entro il 2050. Le cento città selezionate per la missione "Climate-neutral and Smart Cities" sono state selezionate per fare da apripista e raggiungerlo in anticipo, nel 2030. Tra queste Bologna. Non si tratta di un progetto settoriale: rifiuti, verde urbano, mobilità ... C'è un obiettivo unico per tutti. Una missione riformativa e sistematica. Un progetto che mette insieme l'innovazione sulla mobilità, il lavoro sull'energia, l'educazione. E' un cambio di paradigma culturale, tecnico, politico, di ricerca e innovazione in cui tutta la città possa riconoscersi".

mercoledì 8 giugno 2022

Aeroporto & Passante di mezzo: "dovere minimo" o errore massimo?

Cittadini in Assemblea al Parco della Zucca per fermare il Passante e per investimenti alternativi ...











Un mese "caldo", giugno. Che si prolungherà per tutta l'estate e forse oltre. Questione di clima e di ambiente. Ma, insieme, questione sociale e democratica. In un tempo di guerra e di pandemia che tutti vorremmo rimuovere. Che molti (soprattutto tra le classi dominanti) non vogliono considerare per il portato di cambiamenti duraturi destinati a modificare "l'ordine costituito" e "il mondo atteso", in continua costante "crescita".  

domenica 5 giugno 2022

Affidate alla NATO anche le scelte energetiche?

L'alternativa secondo la generazione dei Fridays for Future ... (Bologna, 25 marzo 2022) 










È sorprendente il silenzio generale su due notizie non banali pubblicate in Spagna dai quotidiani El Paìs e La Vanguardia: il primo ha annunciato che la Commissione Europea sta progettando un gasdotto per unire Barcellona con Livorno; il secondo ci ha informato che la Nato, nella sua riunione di fine giugno a Madrid, non discuterà solo di strategie militari ma anche di scelte energetiche.