mercoledì 23 ottobre 2013

350 milioni per l'Alta Velocità Bologna - Lecce!

Oggi, Daniela e Simona, due amiche di origine pugliese che vivono all'ombra di San Luca, per tornare nei paesi di origine con il treno (Frecciabianca), nella tratta Bologna - Brindisi, impiegano 6 ore e mezza e spendono 82,50 euro.
Per loro, arriva però una ottima notizia dal Parlamento.
Rispondendo ad una interrogazione dell'On. Salvatore Matarrese, del piccolo grande Centro di Casini e Monti, che sollecitava il Governo LettAlfano a sostenere l'Alta Velocità ferroviaria sulla dorsale Adriatica ("non si può procedere solo sulla linea Tirrenica" ha detto il parlamentare), il Ministro alle Infrastrutture ed ai Trasporti, Maurizio Lupi, ha annunciato che "la Legge sulla Stabilità presentata in questi giorni, include i primi 350 milioni di spesa dello Stato per quella tratta, a conferma della volontà della Maggioranza Politica di scommettere sulla importante infrastruttura".
Si, 350 milioni da spendere nel corso del 2014.

"Primo passo per un nuovo TAV, che completerà il quadrante italiano Torino - Venezia, Milano - Napoli (- Reggio Calabria), Napoli - Bari, (Lecce -) Bari - Bologna.
L'interrogante, noto proprietario della Matarrese SpA, Impresa di Costruzioni, si è detto molto soddisfatto e certo dell'impegno del Ministro (ciellino) nel seguire "le pratiche, per evitare burocratiche perdite di tempo".
Così, Daniela e Simona, tra qualche anno (o decennio?) potranno ridurre i tempi di percorrenza nei propri viaggi estivi ed autunnali.
Intanto, per recarsi ogni giorno al lavoro possono prendere il treno regionale Bologna Centrale (binari ovest) - Vignola e Bologna Centrale (binari est) - Portomaggiore (entrambe le linee con una rotaia e 21/24 corse quotidiane) o un bus urbano, centro - periferia, che circola, incolonnato e stracolmo, nel traffico caotico ... e che, presto, costerà di più (salvo impegnativi abbonamenti annuali).
Del resto, il progetto di Servizio Ferroviario Metropolitano procede lentamente, molto lentamente.
Si sa, c'è grossa crisi, mancano le risorse!
Chissà se qualche parlamentare chiede conto al Governo ...

1 commento:

  1. Viaggio ogni giorno sulla linea Bologna Rimini.
    Un'avventura. Troppi ritardi.
    Piuttosto che cacciare altri soldi (comunque insufficienti) nella TAV sarebbe ora di migliorare i treni per pendolari.
    Ma i nostri Consiglieri Comunali si occupano di altro. Per non parlare di quelli Regionali.
    I Parlamentari?
    Ma quanti viaggiano sui treni locali e quanti prendono la TAV?
    L.

    RispondiElimina