venerdì 25 ottobre 2013

Boldi, Maradona e Mastrapasqua

1. L'INPS invia un bollettino di pagamento di un centesimo (0,01 euro) a Emilio Casali, 85 anni, pensionato di Riccione. Il caso diventa pubblico. L'INPS, per rimediare, licenzia due dipendenti, evidentemente ritenuti responsabili del fatto.
Viva Mastrapasqua. Questa si che è efficenza.
2. Fabio Fazio, a Che tempo che fa, ospita Diego Armando Maradona. "Il più grande calciatore" si permette il gesto dell'ombrello a EquItalia. Pare che per evitare di fare intervenire gli esattori dello Stato, che rivendicano da uno dei più grandi evasori, quasi 40 milioni di euro, la TV pubblica ed il Pibe de Oro avevano concordato zero cachet.
Viva la RAI. Così si, si riducono i costi.
3. La trasmissione del mattino Agorà, che discute di politica e di Legge di stabilità, ospita anche Massimo Boldi. Da conoscitore del mondo (con i viaggi fatti per i suoi noti film natalizi) e da protagonista delle TV (Mediaset e di Stato, insieme), il suo spot conciliatore è: "ma cosa si va cercando, questo è il paese migliore"!
Bravo Boldi. Questa si che fa ridere.

1 commento:

  1. Purtroppo siamo in mano a tecnici e burocrati. A capi senza capacità di dirigere e fare crescere la professionalità dei lavoratori. La TV pubblica non offre conoscenze ed informazioni per cittadini più consapevoli e partecipi ma intrattenimento e svago. Così col canone paghiamo un'altra casta di privilegiati che si autoalimentano. E' ora di usare la scopa!

    RispondiElimina